LAVORI IN CORSO

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il 15 novembre l’Associazione di Volontariato “Lavori in Corso” incontra gli studenti lucerini
LUCERA – È stata organizzata una giornata di sensibilizzazione per comprendere l’importanza della rieducazione e dell’inserimento lavorativo di chi ha commesso dei reati, attraverso degli incontri-dibattito con gli studenti delle scuole medie inferiori e superiori di Lucera. Questo evento di sensibilizzazione sui temi del carcere, dell’esecuzione penale nasce dalla consapevolezza che un presupposto ineludibile per un re-inserimento socio-lavorativo di successo delle persone detenute o in esecuzione penale esterna è una comunità solidale e accogliente.
L’evento si inserisce nel Progetto: “Atelier Dell’ausilio“, finanziato dalla Fondazione Con Il Sud nell’Iniziativa Carceri 2013 e promosso da un nutrito partenariato: Cooperativa Sociale L’Obiettivo, Escoop, Istituto Ortopedico Reha srl, Associazione di volontariato Lavori in Corso. Si tratta, fra l’altro, dell’unico progetto finanziato in Puglia a valere su quel Bando dalla Fondazione con il Sud, il quale prevede la sperimentazione di un modello di inclusione socio-lavorativa per i detenuti della Casa circondariale di Lucera (FG) attraverso la costituzione di un’impresa sociale per il ritiro, la riparazione e manutenzione, il ricondizionamento e la sanificazione degli ausili per disabili (dalle carrozzine alle protesi). L’Associazione lavori in corso, nell’ambito del progetto, offre sostegno ai detenuti, alle persone in esecuzione penale esterna, e ai loro familiari, attraverso ascolto individuale, gruppi di condivisione, sportelli informativi, eventi di sensibilizzazione territoriale.

LAVORI IN CORSO partner del progetto "Atelieur dell'Ausilio"

Il Progetto prevede la sperimentazione di un modello di inclusione socio-lavorativa per i detenuti della Casa circondariale di Lucera (Fg). L’iniziativa prevede la costituzione di una Impresa sociale per il ritiro, la riparazione e manutenzione, il ricondizionamento e la sanificazione degli ausili per disabili (dalle carrozzine alle protesi). Sarà realizzato un adeguamento funzionale dei locali al terzo piano della Casa Circondariale, che ospiterà la “Bottega dell’Ausilio” e dell’ “Officina dell’Ausilio”, che avrà sede a Cerignola. La seconda struttura si occuperà del ritiro degli ausili obsoleti o dismessi e del processo di sanificazione, ricondizionamento e rigenerazione. La “Bottega dell’Ausilio”, invece, si occuperà della destrutturazione dei materiali scartati (smontaggio e riutilizzo delle parti ancora utilizzabili). Sono previste inoltre, sia a Lucera che a Cerignola, attività di sensibilizzazione sui temi del carcere, dell’esecuzione penale, delle misure alternative alla detenzione. Presupposto ineludibile per un re-inserimento socio-lavorativo di successo delle persone detenute o in esecuzione penale esterna è infatti una comunità solidale e accogliente. Saranno organizzati, quindi, 3 eventi rivolti in modo particolare agli studenti degli istituti di ogni ordine e grado, coinvolgendo le famiglie dei detenuti (circa 250) e i detenuti stessi sia nell’organizzazione che come testimoni delle problematiche legate alla detenzione. Nella “Bottega dell’Ausilio” verranno impiegati 3 detenuti della Casa Circondariale di Lucera, mentre 7 persone in esecuzione penale esterna in carico all’UEPE di Foggia si occuperanno di diverse attività: 2 saranno gli autisti che si occuperanno del trasporto degli ausili tra Lucera, Cerignola, la ASL di Foggia e le abitazioni dei disabili che li utilizzeranno, 5 lavoreranno all’interno dell’Officina dell’Ausilio. Prima di iniziare le attività vere e proprie ci sarà un percorso di orientamento e counselling individuale, formazione in aula e on the job, fino alla work experience, con la fase di start up e sperimentazione del processo produttivo dell’impresa sociale. Parallelamente, sono previsti, per i detenuti e per le loro famiglie, attività di sostegno psico-sociale, con particolare attenzione per i genitori detenuti o in esecuzione penale esterna e per i figli, con l’attivazione di un Centro di Ascolto. RESPONSABILE: L’OBIETTIVO COOPERATIVA SOCIALE PARTNER: ASSOCIAZIONE LAVORI IN CORSO ESCOOP – EUROPEAN SOCIAL COOPERATIVE – SCE REHA ISTITUTO TECNICO ORTOPEDICO SRL
per saperne di più
FONDAZIONE CON IL SUD

 
Torna ai contenuti | Torna al menu